IDEATO E DIRETTO
DA ANTONIO CANTARO
E FEDERICO LOSURDO

IDEATO E DIRETTO DA ANTONIO CANTARO E FEDERICO LOSURDO

Lezioni d’autore

Le macchine possono pensare

Quando l’intelligenza artificiale era ancora una lontana distopia, Alan Turing, il geniale informatico che decifrò il codice “enigma” usato dai nazisti, si interrogava sulle differenze tra il pensiero umano e quello delle macchine. Ma noi lo abbiamo chiesto a ChatGPT…

Il mito dell’intelligenza artificiale

Per Erik J. Larson, mitizzare l’intelligenza artificiale è negativo, perché maschera un mistero scientifico con la narrazione di un progresso inevitabile. Ma è improbabile che si riesca a innovare, se decidiamo di ignorare un mistero fondamentale anziché affrontarlo.

L’architetto e l’oracolo

Per Gino Roncaglia, le intelligenze artificiali generative sono oracoli che operano associazioni statistico-probabilistiche. Se all’aumento della complessità non corrisponde una crescita delle competenze necessarie a gestirla, la complessità rischia di diventare un fattore di esclusione.

Oltrepassare il secolo lungo

Il “paradigma moderno” è legato a un’epoca già finita. Il sistema che gli corrisponde non è sostenibile. È necessario, e perciò possibile, un paradigma antropologico basato sul trinomio cura, rispetto del limite, condivisione.

La pedagogia della crudeltà del capitalismo apocalittico

Rita Laura Segato nel libro La Guerra contro le donne (Tamu Edizioni 2023) si distacca dalle letture eurocentriche che confinano la violenza di genere nella sfera del privato. Per l’antropologa argentina, docente a Brasilia, si tratta di una sfida pienamente pubblica. Adesso è il momento della politica delle donne.

Morfologia e radici della violenza maschile

Mentre del nemico uomo si ammazza prima di tutto il corpo, della donna si uccide innanzi tutto l’identità femminile: per così dire, la psyche. Le radici della violenza maschile in alcuni fulminanti stralci delle pagine conclusive del libro di Luigi Zoja Centauri (Bollati Boringhieri, 2016).

La Costituzione dell’algoritmo

Costituzionalizzare l’algoritmo e digitalizzare la costituzione. Per invertire il deterioramento dei diritti e riportare la costituzione al centro della vita politica e pubblica. In esclusiva per fuoricollana.it l’introduzione del libro tradotto in italiano del costituzionalista spagnolo Francisco Balaguer Calleión.

Anticipazione/Cinema, diritto, Costituzione

L’ultimo libro di Claudio de Fiores. Il cinema come questione costituzionale, spazio di critica del potere e di rivendicazione dei diritti. E perciò, sin dalle origini, sorvegliato, controllato, censurato. Oggi, la censura, anziché sparire rischia di accentrarsi nelle mani delle grandi corporations

Forza lavoro. Il lato oscuro della rivoluzione digitale

Secondo la vulgata corrente l’automazione cancellerà il lavoro. In realtà, secondo Roberto Ciccarelli, si lavora sempre di più e peggio. Ciò che viene reso invisibile e marginalizzato è la facoltà più importante della vita, il cuore stesso dell’algoritmo: la forza lavoro. Il compito più urgente è metterne in luce la potenza.

Civiltà planetaria o trionfo di una potenza disumana?

Secondo lo storico del diritto Aldo Schiavone, il nuovo capitale sarebbe riuscito a mutare la natura del suo storico antagonista, annullando la capacità egualitaria e socializzante del lavoro. Le vite che non accrescono la potenza tecnica sarebbero prive di valore.